Eshop

Pressacavo: che cos’ è e come funziona

Quando si considerano i vari componenti del cablaggio di una macchina, capita molto spesso che ci si concentri in special modo su cavi e connettori dimenticandosi del ruolo che i pressacavi ricoprono. Garantire uno scarico della trazione ottimale e sigillare ermeticamente il cavo affinché la sua tenuta non venga compromessa sono solo alcune delle funzioni che fanno di un pressacavo un componente indispensabile all’interno della macchina.

PRESSACAVO

Cos’è un pressacavo?

Ovunque un cavo debba essere serrato e sigillato entra in gioco un pressacavo: questo oggetto le cui dimensioni possono variare notevolmente a seconda del diametro del cavo, può essere composto da diversi tipi di materiale, dal poliammide, all’acciaio inox, all’ottone nichelato (solo per citarne alcuni) e può offrire diversi gradi di protezione da liquidi e da corpi estranei.

I pressacavi sono generalmente composti da una testa di serraggio, una guarnizione, un corpo filettato e da un controdado. Questi oggetti svolgono contemporaneamente diverse funzioni correlate: serrano e trattengono i cavi, ne sigillano l’ingresso e lo proteggono da agenti esterni come polvere e acqua.

Il grado di protezione IP del pressacavo

Passo di cordatura

Clicca per allargare l'immagine

Quando si sceglie il pressacavo uno dei primi parametri che è bene prendere in esame è il grado di protezione IP che esso può garantire. I gradi IP sono definiti in base alla norma EN 60529 che stabilisce come classificare i gradi di protezione degli involucri per materiale elettrico. Ogni grado IP è accompagnato da due numeri: il primo indica la protezione da corpi estranei solidi mentre il secondo indica la protezione da acqua/fluidi. In entrambi i casi ci si basa su una scala di valori, che va dallo 0 al 6 per il primo numero e dallo 0 al 9K per il secondo numero. Ad esempio, il pressacavo in poliammide SKINTOP® ST-M che gode di un grado IP69, offre la massima protezione sia da polvere sia da getti d’acqua ad elevata pressione. È possibile conoscere nel dettaglio i vari gradi di protezione secondo la DIN EN 60529 scaricando la Tabella T22 presente sul nostro sito

Il pressacavo deve resistere a sostanze acide e alcaline

Pressacavo Inox

Pressacavo Inox

A seconda del campo di applicazione in cui viene utilizzato, un pressacavo entra in contatto con diverse sostanze che possono intaccare il materiale da cui è composto. È opportuno, quindi, valutare l’ambiente in cui deve essere utilizzato al fine di scegliere il pressacavo adatto. All’interno di alcuni macchinari, per esempio, sono spesso presenti sostanze acide e alcaline e il pressacavo deve poter assicurare la giusta protezione da questi agenti: le varianti in acciaio inossidabile come gli SKINTOP® INOX sono, un’ottima soluzione per evitare che il pressacavo si deteriori con il passare del tempo. L’acciaio inox essendo per sua natura resistente alla corrosione garantisce, infatti, una protezione dagli agenti acidi che si trovano nelle linee produttive tipiche del settore alimentare.

L’igiene passa anche dai cavi

Se la protezione da agenti acidi gioca un ruolo importantissimo in alcuni settori, nel mondo del Food & Beverage l’igiene è un requisito prioritario: nel settore alimentare, infatti, si devono adottare delle misure specifiche per assicurare un grado di igiene superiore. Superfici lisce e contorni senza angoli o spigoli evitano che residui di varia natura (es.liquidi e microrganismi) si accumulino su un pressacavo e vi sia il rischio di contaminazione per gli alimenti nell'impianto di lavorazione.

Dal momento che tutti gli impianti degli alimenti vengono puliti regolarmente con acqua calda o vapore acqueo o con schiuma e vengono utilizzati disinfettanti aggressivi, anche in questo caso è fondamentale utilizzare dei pressacavi in acciaio inossidabile che abbiano anche un’approvazione specifica: i pressacavi certificati ECOLAB, come gli SKINTOP® HYGENIC sono la garanzia del rispetto di tutte le norme previste in materia di igiene e sicurezza. ECOLAB, infatti, effettua numerosi test che garantiscono che il prodotto risponda agli stringenti requisiti richiesti dal settore alimentare

La protezione in caso di incendi ed esplosioni

Nelle righe precedenti si è parlato di resistenza agli agenti acidi e di igiene ma non bisogna dimenticare che i pressacavi vengono utilizzati anche in zone ad alto potenziale di rischio di incendio. In questo caso specifico, è più che mai fondamentale scegliere componenti privi di alogeni e altamente ignifughi. Ridurre il rischio di propagazione della fiamma e di fumi tossici in caso di incendio è uno dei primi requisiti richiesti in ambito ferroviario. I pressacavi SKINTOP® ST-HF-M e SKINTOP® MS-HF-M grazie alle loro proprietà autoestinguenti sono perfetti per essere utilizzati anche all’interno dei vagoni di un treno dove la sicurezza ricopre un ruolo fondamentale.

Quando si progetta un impianto, in alcuni casi, è necessario soddisfare anche i requisiti richiesti dalle DIN EN IEC 60079-0 e DIN EN IEC 60079-7 in materia di protezione contro le esplosioni. I pressacavi LAPP con l’aggiunta della desinenza “ATEX” soddisfano i requisiti di queste normative e sono adatti per l’uso in atmosfere definite “esplosive”.

Cavi schermati per una performance ottimale

BRUSH

Negli ambienti industriali la presenza di servo motore può compromettere sensibilmente l’equilibrio della compatibilità elettromagnetica (EMC). Un serraggio non idoneo tra la schermatura del cavo e l’alloggio in cui il cavo stesso potrebbe pregiudicare l’effetto schermante desiderato. Sul mercato LAPP propone diverse tipologie di pressacavi per cavi schermati che garantiscono un’elevata protezione dai campi elettromagnetici. Uno dei pressacavi più semplici e pratici da utilizzare è lo SKINTOP® MS-M BRUSH che, grazie alla spazzola metallica collocata all’interno del pressacavo stesso assicura una ripresa dello schermo ottimale e una copertura dai disturbi elettromagnetici uniforme su tutto il cavo

Come individuare la misura corretta del pressacavo?

La scelta della misura del pressacavo deve essere fatta in base a due parametri: il diametro esterno del cavo e il tipo di filettatura dell’alloggio in cui verrà inserito il pressacavo stesso. Partendo dal diametro del cavo si decide il pressacavo adatto: se prendessimo un cavo dal diametro esterno pari a 7,2 mm e avessimo necessità di acquistare un pressacavo in ottone come lo SKINTOP® MS-M, potremmo scegliere tra due misure che offrono campi di serraggio del cavo diversi: M16x1.5 o M20x1.5. Entrambi i modelli possono andare bene: il primo ha un campo di serraggio che va da 4,5 a 10 mm, mentre il secondo da 7mm a 13.

Può capitare che  sull’alloggio su cui stiamo inserendo i pressacavi sia presente un tipo di filettatura PG e non metrica, come quella del precedente esempio. Anche se la norma europea IEC 62444 ha definito lo standard metrico come unico riferimento per la filettatura, esistono ancora diversi impianti dove troviamo alloggi con filettatura con passo PG. LAPP è in grado fornire anche pressacavi con filettatura PG come gli SKINTOP® ST. Nella Tabella T23 è presente un’utile immagine comparativa dei campi di serraggio PG/Metrici.

I pressacavi LAPP

LAPP ha a catalogo una vasta gamma di pressacavi in poliammide, ottone, inox e con ampi campi di serraggio. Nell’offerta, inoltre, sono presenti molte soluzioni innovative come gli SKTINOP® CLICK che permettono una veloce e immediata installazione grazie alla loro semplicità d’uso: dove non è possibile serrare un controdado di fissaggio all’interno dell’alloggiamento, per ragioni di spazio o perché non è raggiungibile manualmente, SKTINOP® CLICK si inserisce a pressione nel foro e il controdado si blocca dall’esterno.

All’interno della gamma è possibile trovare anche altre tipologie di pressacavi che consentono il serraggio di molti cavi contemporaneamente grazie alla loro struttura che può ospitare il passaggio fino a 23 cavi effettuando un solo foro di passaggio nell’alloggiamento. Sappiamo bene quanto sia importante che anche questi piccoli componenti godano delle approvazioni fondamentali per alcuni mercati, come quello nord americano. Nella gamma SKINTOP® sono molti i pressacavi che hanno questo tipo di certificazione.

Scegliere il pressacavo migliore per la propria applicazione non è sempre semplice, per questa ragione i LAPP Expert sono in grado di guidarti nella scelta: affidati alla loro esperienza.